murale del “gambadelegn” in via rimembranze

Commenti disabilitati su murale del “gambadelegn” in via rimembranze 526

La Pro Loco Morus Nigra e l’Amministrazione Comunale sono onorati di poter ospitare in questo luogo un’opera di valorizzazione storica del territorio in uno dei punti di ingresso al paese.

L’opera artistica richiama alla memoria il “gamba de legn”, la tranvia a vapore che da fine ottocento agli anni ’50 collegava Milano con Castano Primo, attraversando anche il nostro paese.

Utilizzato per recarsi al lavoro e alle scuole dei paesi vicini e di Milano, il “gamba del legn” è ancora vivo nei ricordi di molti concittadini anziani. La tranvia svolse un servizio straordinario che permise il passaggio di Ossona da paese esclusivamente agricolo-rurale, chiuso sul proprio territorio, a realtà aperta verso scuole e industrie in un ambito territoriale molto più vasto, motore di una piccola rivoluzione sociale per alcune generazioni di ossonesi.

L’opera è collocata all’ingresso del paese, proprio nei pressi dell’antica stazione della tranvia, oggi incrocio tra le vie Rimembranze ed Europa; si tratta di un murale di adeguate dimensioni, composto di diverse scene, e di alcuni reperti storici che richiamano la linea ferroviaria di allora.

Il murale è opera del pittore Vincenzo Gornati, originario di Ossona, che già la nostra comunità conosce e che, negli scorsi anni, ha potuto apprezzare nel corso di mostre, incontri con gli alunni delle scuole e, ancora oggi, con le sue opere, ispirate da “Se questo è un uomo” di Primo Levi, esposte presso villa Litta Modignani, sede del municipio.

Un ringraziamento particolare va al pittore Gornati che ha voluto lasciarci un segno visibilissimo del suo amore per il nostro paese, così ben rappresentato dall’allegro caleidoscopio di colori e dai molteplici personaggi, ritratti di veri ossonesi di allora.  Un’opera accogliente, di benvenuto, che infonde buonumore e speranza.

Non manchiamo di ringraziare chi ha permesso la realizzazione dell’opera: in primo luogo i proprietari del muro di cinta, che ne hanno concesso l’uso, quindi, le maestranze per le opere in muratura, tutte le associazioni, i privati cittadini e le aziende  che stanno contribuendo, economicamente e fattivamente, alla realizzazione del murale.

Ringraziamo anche le numerosissime persone, ossonesi e non, che nei mesi estivi stanno seguendo con grande interesse la realizzazione dell’opera ed fanno compagnia al pittore.

Quest’opera è il lavoro di un uomo, il senso storico di una comunità e la bellezza dell’arte che affidiamo al rispetto ed al senso civico di tutti.

Articoli simili